Investigatore privato e revisione dell’assegno di mantenimento

Guest Post e Article Marketing Italiano di Qualità
assegno mantenimento revisione

Indice dei contenuti

Sempre più persone si rivolgono all’Investigatore Privato Roma per la revisione dell’assegno di mantenimento a favore di uno dei coniugi o dei figli in caso di separazione o divorzio. Se, infatti, sussistono nuove circostanze l’assegno può essere revocato a causa della modifica dello status qui sulla base di cui era stato definito l’importo.

Non tutti sanno che l’assegno di mantenimento non è immutabile nel tempo, ma viene rivalutato sulla base degli indici Istat, delle circostanze e dei cosiddetti fatti nuovi che sono individuati dall’Agenzia Investigativa a Roma. Sulla base delle prove raccolte il giudice può aumentare o diminuire l’assegno.

Revisione assegno di mantenimento: cosa dice la legge

La revisione dell’assegno di mantenimento non è automatica, ma viene decisa da un provvedimento del giudice. Sulla base dell’ex art. 710 c.p.c le parti possono richiedere al Tribunale la modifica del provvedimento che riguarda i coniugi e la prole dopo la separazione. In caso di necessità il giudice, dopo aver sentito le parti, provvede ad aumento o diminuzione dell’importo dell’assegno, ricordando che in entrambi i casi non si modifica quanto versato in precedenza ai sensi sella sentenza della Cassazione n.23441/2013.

Investigatore privato Roma e indagini per la revisione dell’assegno di mantenimento

Una valida agenzia investigativa a Roma e un investigatore privato Roma possono essere incaricati di svolgere investigazioni private per determinare l’importo dell’assegno di mantenimento o richiederne la revisione. Infatti, se l’assegno non è proporzionato alle capacità economiche della controparte può essere rivisto.

La nostra agenzia di investigazione ha l’obiettivo, su incarico del cliente, di stabilire le reali condizioni economiche e patrimoniali della controparte. Secondo l’art. 156 del Codice Civile, infatti, il coniuge economicamente più forte deve corrispondere l’assegno di mantenimento a quello più debole e a chi non è addebitabile la separazione va l’assegno di mantenimento.

Obiettivo della legge è assicurare al coniuge un tenore di vita analogo a quello avuto durante il rapporto coniugale e le indagini private svolte dai nostri investigatori privati Roma comprendono:

  • documentazione della condizione patrimoniale dell’ex coniuge;
  • documentazione della convivenza more uxorio;
  • accertamento del tenore di vita dell’ex coniuge;
  • accertamento della situazione lavorativa dell’ex coniuge, comprese le prestazioni svolte in assenza di regolare contratto;
  • verifica del reale tenore di vita del coniuge e dei figli.

Assegno di mantenimento e presenza dei fatti nuovi

Se, successivamente alla quantificazione dell’assegno di mantenimento, si verifica la presenza di fatti nuovi che cambiano la situazione economica dei coniugi, entrambe le parti possono richiedere la variazione dell’importo. Un esempio di nuove circostanze è l’incremento o il deterioramento delle condizioni economiche di uno dei due coniugi o la costituzione di un nuovo nucleo familiare da parte di una delle due parti o le accresciute esigenze dei figli.

In caso di presenza di una di queste condizioni possono venir modificare le condizioni della separazione determinate in sede consensuale o giudiziale. Il miglior modo per dimostrare le circostanze è rivolgersi a un’agenzia investigativa Roma o a un investigatore privato Roma e presentare istanza al Tribunale competente sul territorio. Il risultato sarà la revisione o revoca dell’assegno sulla base delle prove che hanno portato alla richiesta medesima (Cass. n. 2338/2006; Cass. n. 10720/2013).

 

Condivi su:
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Post popolari: