Cosa deve contenere il preventivo per un sito web?

Guest Post e Article Marketing Italiano di Qualità
Preventivo sito web

Indice dei contenuti

Avete finalmente deciso di aprire un sito web per la vostra azienda, oppure il vostro progetto. È un passo importante, che andrebbe affidato ad un professionista. Cosa comprende quindi un preventivo di cui potersi fidare?

Perché creare un sito web e affidarsi ad un professionista?

Un’azienda che decide di dotarsi di un sito web, oppure un progetto digitale che prende vita hanno in comune il bisogno di avere un sito web affidabile e ottimizzato per i motori di ricerca di riferimento. Per dialogare con i propri clienti infatti, piattaforme altrui come Facebook o Amazon non sono abbastanza.

Prima di tutto, al cambiare delle regole si rischia di veder vanificato il proprio lavoro; inoltre, un sito ottimizzato in ottica SEO risponde alle intenzioni di ricerca dei nostri potenziali clienti.

Le persone che approdano al nostro sito infatti, stanno proprio cercando ciò che noi potenzialmente offriamo. Inoltre, un sito web ben fatto garantisce un canale sempre attivo di comunicazione con i nostri clienti e dovrebbe essere il fulcro della nostra strategia di digital marketing.

Per tutti questi fattori, è importante rivolgersi ad un professionista per la creazione di un sito web. Al di là del lato puramente tecnico, bisogna infatti tenere presente che solo un sito ben fatto e sicuro avrà un buon ranking su Google.

Un freelance o una web agency saranno in grado di accontentare non solo i motori di ricerca, ma anche gli utenti: solo l’esperienza è in grado di suggerire cosa funzionerà e per chi. In Italia sono presenti diversi professionisti che possono rispondere alle più diverse esigenze di business. Segnaliamo ad esempio Mr.Sito, Web Agency attiva a Lecce e Milano e che può vantare una solida esperienza e quindi in grado di elaborare il giusto preventivo per il sito web. Il primo passo è proprio chiarire i costi e ciò che il professionista giusto sarà in grado di fare per voi.

Leggi anche: Article Marketing Italiano

Prima del preventivo

Prima di chiedere un preventivo è necessario avere ben chiaro alcune cose, che saranno poi fondamentali per capire cosa inserire nel prospetto:

  • Budget a disposizione. Il costo di un sito può variare, è bene sapere prima quanto budget possiamo allocare in questa fase del nostro progetto;
  • Quali sono i nostri bisogni effettivi. Quanti clienti ci aspettiamo o possiamo aspettarci? Che volume di traffico? Cosa ci serve davvero e a cosa possiamo rinunciare? Ad esempio, un blog o un sito vetrina avrà un costo diverso rispetto a un e-commerce. Inoltre, un marchio consolidato avrà bisogno di una strategia di posizionamento diversa rispetto ad uno sconosciuto. Target, nicchie di mercato e zone geografiche di partenza e destinazione hanno a loro volta un influsso.
  • CMS proprio o open source?Questa è una questione tecnica, ma molto dipende da quanto tempo vogliamo spendere imparando a gestire il sito e quanto vogliamo dipendere dalla web agency scelta. Un codice open source garantisce maggiore libertà, seppure con alcuni limiti.

Una volta chiariti i nostri bisogni, dovremmo farci un’idea dei professionisti a cui ci stiamo rivolgendo. Questo si può fare controllando il loro sito ed il loro posizionamento, così come il portfolio clienti e le loro opinioni. Cercateli quindi sui social e motori di ricerca, prima di fare il prossimo passo.

Cosa deve contenere un preventivo e quanto può costare un sito?

Ci sono diverse voci che possono influire sul sito e molto dipende da cosa desideriamo. Ci sono alcuni costi che tuttavia possono e devono essere dettagliati e ricompresi nel preventivo.

Tra le voci indispensabili, abbiamo la sicurezza e l’adeguamento alle normative vigenti, ad esempio con la cookie policies. Non avere questo genere di adeguamenti, può portare conseguenze molto gravi: una violazione della privacy porta al rischio di ammende molto salate.

La grafica ha un peso, soprattutto se si desidera un tema proprio; i contenuti a loro volta sono un altro elemento da considerare, che per altro deve essere frutto di una ricerca keywords e SEO oriented. Questo è un altro punto nella lista: l’ottimizzazione SEOè un processo lungo ma indispensabile, che coinvolge sia il lato tecnico che i contenuti, ma non può essere trascurato.

In teoria, dovrebbe essere preceduta da una ricerca adeguata e con un piano editoriale ad hoc. Ovviamente, altri interventi di digital marketing, possibili soprattutto nella realtà delle web agency, faranno alzare il preventivo.

L’indicizzazione invece, è un procedimento che si effettua gratuitamente con Google, quindi diffidate di chi lo indica come una voce di costo. L’assistenza è fondamentale, sia ordinaria (quindi aggiornamenti tecnici periodici e simili), sia straordinaria e quindi legata alla sicurezza, eventuali attacchi hacker o contro pratiche di Black Hat SEO e così via.

Un preventivo dovrebbe quindi includere:

  • Costo di hosting e dominio;
  • Eventuali servizi di e-mail dedicata;
  • Creazione e sviluppo grafico ed editoriale del sito;
  • Creazione tecnica del sito;
  • SEO e interventi di digital marketing;
  • Manutenzione ordinaria e straordinaria.

Va tenuto presente che senza una strategia SEO un sito, per quanto ben fatto, è totalmente inutile e non ripaga dell’investimento. Diffidate di costi troppo bassi, così come di facili promesse.

Leggi anche: Guest Post: cosa sapere

Il valore della formazione

Una volta finito il sito, starà a voi gestirlo, manutenzione esclusa. È per questo che è altamente consigliabile affidarsi a quelle web agency o professionisti che sono in grado di formarvi. Sia che compaia come voce di costo o meno, essere messi in condizione di usare al meglio il proprio sito web è indispensabile. Diffidate quindi di chi non include questa opzione.

Avere un sito web ben fatto è indispensabile oggi e non è sempre facile crearne uno che accontenti tanto gli utenti quanto i motori di ricerca, se non si ha la dovuta esperienza. Per questo è utile rivolgersi a dei professionisti, che siano web Agency o freelance.

Il primo passo sarà valutare i vostri bisogni e redigere un preventivo, che dovrà contenere diverse voci, tra cui la formazione, per poter essere davvero valido e garantire una collaborazione professionale proficua.

Condivi su:
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Post popolari: