Conosci il segreto per semplificare le operazioni di carico e scarico merci?

Guest Post e Article Marketing Italiano di Qualità
rampe carico scarico

Indice dei contenuti

Tutte le realtà aziendali operanti nel settore della logistica, ma non solo, dispongono di rampe di carico per la gestione delle merci. Occorre, dunque, che ogni azienda sia munita di rampe affidabili e di ottima qualità sostanzialmente per due motivi: la sicurezza sul luogo di lavoro e la semplificazione delle procedure di carico e scarico merci. In questo articolo scopriamo tutti i vantaggi che queste rampe moderne offrono, i vari modelli presenti in commercio e a chi affidarsi per la loro installazione.

I vantaggi delle baie di carico

Come accennato poco fa, le baie di carico e scarico merci sono strumenti efficacissimi per l’agevolazione dei processi per la movimentazione delle merci industriali. Queste vengono utilizzate per collegare due superfici: una fissa, che solitamente è il piano del magazzino, e una mobile che corrisponde al cassone del camion per gestirne l’ingresso e l’uscita delle merci.

Sul mercato esistono svariate tipologie di rampe di carico adatte ad ogni esigenza industriale, ma l’elemento chiave che le accomuna è senza dubbio la loro vantaggiosa utilità per quanto riguarda la corretta gestione dei flussi logistici, sia inbound che outbound, e fare in modo che questi avvengano in maniera più agile possibile e, ovviamente, senza alcuna complicazione.

Punto cruciale di una rampa di carico è il suo collocamento: essa deve essere accuratamente progettata e posizionata per svolgere i maniera sicura e veloce le operazioni di movimentazione merci tramite gli autocarri e, inoltre, occorre anche capire di quante baie di carico un’azienda si deve munire per ottimizzare al massimo queste operazioni.

Vediamo insieme quanti modelli esistono sul mercato e quali sono quelli più adatti alle diverse esigenze aziendali.

Tipologie di rampe per il carico e lo scarico delle merci

Punto di partenza per un’azienda è la scelta della baia di carico; vediamo le principali tipologie presenti sul mercato:

  • rampe con becco pivottante: sono le più economiche e si attivano tramite un bottone che permette di regolarne le inclinazioni sia in salita che in discesa;
  • rampe con becco telescopico: i prezzi qui crescono rispetto alle precedenti e permettono, tramite una pulsantiera, alla rampa, di incastonarsi perfettamente come un “becco” con il pianale del veicolo per consentire la movimentazione. A fine lavori, la rampa a becco rientra completamente a terra permettendo nuovamente l’attraversamento a pavimento.

Altri fattori che sono da tenere in considerazione quando si decide di installare una rampa sono:

  • larghezza: che deve essere quanto più vicina alla larghezza del pianale del veicolo raccordato;
  • lunghezza: che deve essere scelta in base all’altezza della banchina e a seconda dei mezzi usati per le operazioni di carico e scarico.

Infine, sono da considerare anche i carichi al di fuori degli standard in termini di peso (in questi casi saranno necessarie rampe di carico capaci di reggere pesi importanti), condizioni climatiche critiche se si pensa a luoghi molto umidi e freddi come i magazzini frigoriferi. Per questo motivo è opportuno focalizzarsi sulla qualità costruttiva e dei materiali che caratterizzano le baie.

A quale produttore affidarsi?

Tutte le caratteristiche elencate sino ad ora possono essere racchiuse in un’unica parola: Made in Italy. Determinate caratteristiche qualitative corrispondono a produttori seri e fidati che operano in italia con materiali 100% Made in Italy.

Per un imprenditore, infine, la scelta migliore è quella di affidarsi alla professionalità e competenza dei produttori italiani con esperienza pluriennale alle spalle.

Leggi anche: Che cosa sono le carte di credito per aziende

Condivi su:
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Post popolari: