Come usare la Lavatrice e significato dei simboli e pulsanti

Guest Post e Article Marketing Italiano di Qualità
Significato dei simboli e dei lavaggi della lavatrice

Indice dei contenuti

Il tuo golfino preferito in cachemire è uscito dall’oblò della lavatrice irrimediabilmente rimpicciolito e spelacchiato, mentre la maglietta estiva ha colorato di rosso camicette e lingerie. “Le indicazioni di lavaggio e il giusto programma”, avrai pensato, rimpiangendo di aver trascurato libretto delle istruzioni e codici riportati sul pannello dei comandi della lavabiancheria.

Simboli non sempre di così immediata interpretazione, in realtà, talvolta varianti di modello in marchio, dalle macchine più tradizionali a quelle più sofisticate. Simboli che occorrerebbe, però, conoscere, al fine di evitare spiacevoli sorprese e che grazie ad uno dei consigli proposti su Casafare.it ne scopriremo il significato.

Un quadro generale sui simboli relativi al lavaggio. Tessuti e programmi.

Se vuoi proteggere e continuare ad indossare i tuoi indumenti ancora smaglianti, di seguito troverai una legenda di massima dei comandi ed iconcine principali, riferiti a modalità e suggerimenti di lavaggio. Per iniziare, soffermati sui simboli impressi sull’etichetta dei capi d’abbigliamento e d’arredo per la casa (dove sono indicati al contempo casa produttrice e tessuti principali).

Simboli riportati sull’etichetta

  • Una vaschetta: la vaschetta indica che il capo può essere lavato in acqua, indicando, il più delle volte, la temperatura idonea. Una croce sulla vaschetta esclude tale possibilità. Mentre un segmento sotto la vaschetta suggerisce lavaggi delicati, a bassa velocità. Una manina nel contenitore, infine, invita al bucato a mano.
  • Triangolo: indica il candeggio; mentre un triangolo crociato lo bandisce. La coppia di lettere “CL” nella figura geometrica prescrive esclusivamente il cloro.
  • Il cerchio: prescrive il lavaggio a secco. Lo esclude se crociato. Se sottolineato da un breve tratto, consiglia delicatezza nel trattamento.

Se contenente una lettera, come ad esempio la A, si consiglia l’impiego di detersivo. Nel caso di una P, sono indicati i clorati; nel caso di una F, idrocarburi, trifluoro e tricloroetani.

  • Un tessuto strizzato, stilizzato: indica, in base all’assenza o presenza di una croce, la possibilità o meno di strizzare e centrifugare.
  • Un cerchio contenuto in un quadrato: indica l’asciugatrice; crociata, la esclude.
  • Un rettangolo con segmenti interni: indica asciugatura all’aperto (con una linea curva sulla parte superiore). Tre segmenti verticali sconsigliano la centrifuga, mentre uno orizzontale invita all’asciugatura in piano.
  • Il ferro da stiro: simbolo alquanto esplicito, esso consente l’uso del ferro da stiro. Se barrato, lo sconsiglia. Il ferro potrebbe contenere dei pallini: uno solo indica temperature basse; due, temperature medie; tre, temperature elevate. Se l’icona è accompagnata da uno sbuffo di vapore crociato, allora è escluso il getto del vapore.
  • Simboli sulle tasche del detersivo: facente parte del corpo della macchina, un blocco di scomparti separati accoglie i detersivi. Essi sono rappresentati nel seguente modo:
  • Una barretta verticale in una vaschetta: indica la bocchetta in cui versare smacchiatori e l’aggiunta di detersivo.
  • Due barrette verticali in una vaschetta: indica la tasca per il detersivo.
  • Un fiore: indica la tasca dell’ammorbidente.

Simboli dei programmi

Sul pannello della lavabiancheria, generalmente attorno ad una manopola, sono distribuite le differenti opzioni di lavaggio, in relazione ai diversi tipi di tessuti e livello di sporcizia. Trattasi di opzioni predefinite anche in relazione a temperatura, tempo, e giri di centrifuga. Ma è comunque possibile modificarle entro un intervallo preimpostato. Inoltre, a fine lavaggio si possono aggiungere ulteriori trattamenti (come ad esempio un plus di centrifuga o un risciacquo).

Ma vediamo insieme alcuni dei programmi più utilizzati:

  • Fiore-batuffolo di cotone/ Maglietta: entrambi i due simboli indicano il programma per cotone e lino, per tessuti resistenti.
  • Farfalla: programma per i delicati, fra cui indumenti in seta, raso. Talvolta può essere sostituito da una coppia di tende stilizzate. Basse temperature, centrifuga moderata.
  • Gomitolo: lana e delicati. A volte associata a modalità “a mano”. Basse temperature e senza centrifughe
  • Biberon/ Bavetta/ Baby/ Croce “allergy-care”: lavaggio per indumenti dei bambini, richiedente maggiore volume d’acqua e risciacquo perfetto.
  • Mix: opzione per carichi con tessuti diversi.
  • Camicia: programma per camicie, a temperatura moderata.
  • Ampollina: programma per sintetici.
  • Maglietta scura: programma per il bucato scuro.
  • Jeans (stilizzati): programma per jeans.
  • Sport-fitness (gym/outdoor): programma per tenute sportive.
  • Maglietta con macchie: capi molto sporchi.
  • Prelavaggio: capi molto sporchi (programma aggiuntivo).
  • Sveglia: modalità rapida.
  • Piumini/ Letto con trapunta stilizzata/ Piuma stilizzata: programma con utilizzo di detergenti delicati, dal dosaggio contenuto.
  • Eco/ Frecce verdi: programma ecologico.
  • Quadrante orologio con freccia: programma che permette un tempo d’avvio impostato, ritardato.
  • Vaschetta: risciacquo extra, con centrifuga. Oppure ammollo.
  • Vaschetta con freccia verso il basso: ammollo a fine lavaggio, senza centrifuga. L’acqua viene scaricata, infine.
  • Spirale: centrifuga aggiuntiva.
  • Spirale segmentata: centrifuga extra, delicata.
  • Ferro da stiro: programma che riduce la comparsa di pieghe.

Simboli del display e dei pulsanti

Solitamente accanto alla manopola, la finestra ospita gli interruttori generali on/off e l’avvio/pausa (simboleggiata da due barrette verticali alla destra di un triangolo); e visualizza, nelle macchine di produzione più recente, vari indicatori del lavaggio, monitorandoli, come il tempo residuo, i giri di centrifuga, la temperatura.

Condivi su:
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Post popolari: