Come fare un impianto elettrico

Guest Post e Article Marketing Italiano di Qualità
Come fare un impianto elettrico

Indice dei contenuti

Come fare un impianto elettrico? non è certamente un’operazione semplice soprattutto per chi è alle prime armi. Si tratta infatti di un lavoro piuttosto complesso che richiede una certa manualità e prevede la massima attenzione per non rischiare di causare spiacevoli incidenti. Pertanto prima di progettare un impianto elettrico fai da te è necessario prendere tutte le accortezze necessarie e informarsi bene su ciò che si sta facendo.

Di seguito proponiamo una breve guida, scritta in base alle informazioni emerse dall’intervista fatta ai tecnici di Elettricista Roma, attivi da anni nel campo.

Leggi anche: Come eliminare la muffa dalle pareti

Come fare un impianto elettrico: da cosa partire

La prima cosa da fare per realizzare un impianto elettrico consiste nell’informarsi attentamente sulle normative vigenti. Nel corso degli anni infatti la legge italiana ha aggiunto delle modifiche e ha aggiornato le normative sia dal punto di vista della progettazione che dell’installazione.

Dopo aver preso coscienza di ciò che dovrai fare, potrai cominciare a progettare il tuo impianto elettrico fai da te. Quest’ultimo deve essere realizzato tenendo in considerazione la casa e l’arredamento: ogni casa infatti possiede generalmente un contatore costituito da cavi elettrici che arrivano poi al quadro generale. Non bisogno inoltre dimenticare l’interruttore salvavita che serve a scongiurare il rischio di incendi o altri possibili incidenti.

Da non sottovalutare poi sono gli attacchi delle prese di corrente per gli elettrodomestici o altri oggetti della casa. È bene ricordare dunque che l’impianto elettrico dovrà tenere conto delle prese che dovranno essere collocate in maniera uniforme sulle pareti e la posizione dei vari oggetti dell’abitazione come il frigorifero, le lampade e il televisore. Bisognerà quindi avere due tipi di circuiti: uno per le luci (di solito da 10 ampere) e uno per le prese (da 16 ampere).

Per quanto riguarda i cavi conduttori invece bisognerà sceglierne uno nero per la fase corrente, uno azzurro per il neutro e uno giallo per la messa a terra. In ultimo dovrai decidere se il tuo impianto dovrà essere esterno oppure incassato.

Leggi anche: Come creare una cena romantica estiva con le candele

Come fare un impianto elettrico in modo semplice

Per fare un impianto elettrico dovrai munirti di tutto il materiale necessario che ti servirà alla realizzazione. Per prima cosa dovrai avere i cavi, le prese, le scatole da incasso e gli interruttori. Dopodiché potrai procedere con la distribuzione delle prese che devono essere collocate in modo uniforme: generalmente il loro numero varia a seconda del tipo di stanza ma è possibile anche effettuare delle modifiche.

A questo punto si può cominciare a realizzare i tre diversi circuiti. Essi devono essere fatti mediante le scatole di derivazione entro cui andranno tirati i cavi. In questo modo questi ultimi potranno raggiungere tutti i centri di servizio e di comando.

Nella realizzazione di un impianto elettrico fai da te naturalmente non bisogna dimenticare una delle fasi principali ovvero quella della messa a terra. Essa avviene mediante uno specifico conduttore di protezione grazie al quale tutti i dispositivi presenti in casi verranno collegati al morsetto situato nel quadro di distribuzione.

Tale accorgimento permette di evitare danni all’abitazione nel caso in cui dovessero esserci dei problemi all’isolamento dell’impianto elettrico.

Leggi anche: Porta a libro bianca: 3 motivi per sceglierla

Condivi su:
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Post popolari: